Growth hacking

La possibilità di risparmiare tempo ed evitare di disperdere le energie nella realizzazione di attività ripetitive;

I bassi costi di realizzazione. L’implementazione di software sempre più potenti, intuitivi e dai costi contenuti, consente di svolgere tutte le azioni (profilazione database, direct email marketing, aggiornamento database e acquisizione contatti) in poco tempo e senza la necessità di investire importi proibitivi. Tutti possono sperimentare i benefici di questa tecnologia, a patto di saper impostare comunicazioni efficaci e risolutive;

L’aumento delle opportunità di vendita. I potenziali clienti vengono seguiti ed assistiti con puntualità ed attenzione lungo tutto il ciclo di vendita. Così facendo è possibile rispondere ai loro bisogni e fornire risposte personalizzate ai problemi evidenziati dal loro comportamento. E questo può fare la differenza nell’ambito di un’offerta commerciale sempre più sconfinata, frammentata e spersonalizzata.

Nato negli Stati Uniti nel 2010, il Growth hacking è un processo di sperimentazione che si avvale di una strategia combinata per ottenere risultati dirompenti in tempi brevi.

Nonostante sia emerso con maggiore prepotenza solo negli ultimi tempi, il Growth hacking non è una novità. L’approccio innovativo al web marketing che sfrutta tutti i canali disponibili con spregiudicatezza e creatività viene già sperimentato con successo da qualche anno. Soprattutto dalle start up, che hanno mezzi finanziari limitati e la necessità di emergere rapidamente per conquistare la loro fetta di mercato.

Ma tutti i business, soprattutto quelli di media e piccola entità che hanno a disposizione budget limitati, possono trarre dei benefici notevoli da una sperimentazione di questo tipo. A patto di essere realmente disposti ad osare e a battere strade poco convenzionali. La particolarità del growth hacking, infatti, è quella di non essere mai uguale a se stesso: non è detto che una stessa strategia sperimentata con successo da un’azienda possa essere ripetuta con la stessa efficacia da un’altra.

Ogni azienda deve perseguire il proprio percorso e reagire rapidamente alle dinamiche di un mercato estremamente competitivo in cui ognuno cerca di emergere come può

In che modo? Con flessibilità e inventiva. Con la disponibilità ad intervenire sull’assetto e sulle caratteristiche del prodotto o servizio offerto. Sì, perché, a differenza di una strategia di marketing tradizionale, fare growth hacking può significare anche dover intervenire sul prodotto e ridefinirne le proprietà

Non a caso, il growth hacker è una figura composita, a metà strada tra il programmatore e il marketer. Possiede le competenze di entrambi ed è in grado di combinarle per sperimentare un approccio multimetodologico e multicanale

La sperimentazione prevede lo sfruttamento dei canali social, lo sviluppo di landing page, la messa a punto di attività di content ed email marketing, ma anche l’assorbimento di tutti i segnali e le indicazioni che provengono dall’offline. Ovvero dall’ascolto della clientela reale e potenziale, dai contatti telefonici e dagli incontri più o meno casuali che possono aiutare a definire il pubblico di riferimento e cosa si aspetta da un prodotto o servizio.

Vuoi scoprire come puoi far crescere la tua azienda grazie al Growth hacking? Contattaci!