Magicnet Digital Agency Bologna
Via Don Francesco Pasti 22 Funo Argelato BO 40050 IT
Mo,Tu,We,Th,Fr 09:00-17:30 €€€ +39 051 664 71 98
MagicNet FB Twitter Google+ Linkedin
Sapevi che entro il 2020 il 50% di tutte le ricerche sarà vocale?


La tecnologia si evolve di anno in anno, di giorno in giorno e la società muta in base ad essa, adattandosi dunque al cambiamento, al nuovo.

La ricerca vocale è comoda, immediata, colloquiale ed è in continua espansione. Perciò chiunque abbia un sito o sia comunque presente nel web non può rimanere indietro rispetto ai progressi tecnologici, linguistici e sociali.
 
Le pagine vanno sempre adattate alle nuove abitudini degli utenti, in media si usano 4.2 parole per le ricerche vocali contro le 3.2 testuali.

Si tratta quindi di ottimizzazione ad hoc dei contenuti (attraverso riscrittura o revisione). La lingua parlata è molto diversa da quella scritta per questo i contenuti vanno adattati al linguaggio naturale del parlato.

Il ruolo delle keyword risulta fondamentale per la rilevanza del vostro sito tra i risultati del motore di ricerca. Il processo per ottenere la posizione zero e la massima visibilità, si sa, non è semplice, è infatti necessario rivalutare alcuni fattori fondamentali come la velocità con cui si carica la pagina, le foto usate e la fruibilità dei contenuti.

Lo snippet in primo piano o posizione zero è ciò che Google dà come primissimo risultato a seguito di una ricerca. In sostanza: la miglior risposta alla nostra domanda.

Come è composto un featured snippet?
- dal testo di un sito che risponde al meglio alla domanda posta
- da un titolo cliccabile (tag title)
- dall’url della pagina da cui è stato preso il testo
- da un’immagine utile ad arricchire il contenuto informativo

smartphone
(Mobile search in Italy” – aprile 2016)

In Italia il 96% delle persone utilizza uno smartphone ed il 30% degli acquisti online viene effettuato da dispositivi mobili, non da computer. Infatti dal 2015 Google dà priorità a siti ottimizzati in versione mobile piuttosto che desktop.

L’utente si aspetta l’immediatezza ed è fondamentale dunque migliorare i siti da mobile (soprattutto nella velocità) più della versione per desktop.

Un rapporto del 2016 dell’Intelligent Voice Assistants di MindMeld elenca le principali ragioni per cui gli utenti utilizzano la ricerca vocale da mobile:
61% utile se hanno le mani occupate;
30% offre risultati più rapidi;
24% utile se si hanno difficoltà a digitare su determinati dispositivi;
22% è una tendenza molto interessante;
12% è utile per evitare di confondere i menu sul proprio smartphone;
1% Altro.


https://searchenginewatch.com/2017/02/15/what-we-can-learn-from-the-latest-trends-in-voice-search/
 
Generalmente quando si effettua una ricerca vocale con Google, Siri, Cortana o Alexa si pone una domanda, dunque le ricerche iniziano con:
Chi, Cosa, Come, Quando, Quanto, Dove, Perchè.”

Nello specifico le domande con “Dove” e “Quando“ tendono ad essere seguite da un’azione dell’utente che non si limita quindi a cercare semplicemente un’informazione.

Ciò che va fatto, oltre che utilizzare un linguaggio naturale così come viene posta la domanda, è usare risposte brevi di non oltre 29 parole per essere lette dagli assistenti virtuali.


http://vignetteagj.blogspot.com/2017/03/assistente-vocale.html


Scopri come puoi migliorare la tua presenza sul web in 7 semplici passaggi.
Non rimanere indietro… stai un passo avanti!
 
  1. Concentrarsi sulla posizione zero. Quando i dispositivi di ricerca vocale leggono ad alta voce il risultato, aumenta la rilevanza del sito in quanto Google riconosce l’azienda X “esperta” di quella keyword. In questo è utile usare al meglio il campo semantico delle keyword oltre che le keyword long-tail o parole chiave a coda lunga.
  2. Concentrarsi sulla versione mobile perché è la fonte principale da cui vengono effettuate le ricerche vocali, gli acquisti, ecc.
  3. Allineare i contenuti agli interessi degli utenti, comprendere la domanda per formulare la relativa risposta vocale. Quindi creare i contenuti dal punto di vista dell’utente. Inoltre è molto importante prestare attenzione a voti, recensioni e commenti, oltre che informazioni provenienti dai social, poiché i sistemi di riconoscimento vocale ne tengono conto.
  4. Creare una pagina di F.A.Q. perché ha già una struttura domanda-risposta, fondamentale per i contenuti della ricerca vocale e per i suoi risultati.
  5. Perfezionare la posizione per le ricerche di prossimità geografica.
  6. Inserire domande e keyword sia nei titoli che nelle pagine.
  7. Risposte rapide e pertinenti sono il successo della ricerca vocale; l’utente vuole immediatezza anche nelle risposte.
Contattaci
5 Febbraio 2019