Come nel 2021 anche per il 2022 sono previsti diversi aggiornamenti degli algoritmi di Google, ma uno dei fattori fondamentali per essere primi su Google grazie alla SEO sarà puntare sull’esperienza utente e sulla Page Quality.

Da sempre l’obiettivo del motore di ricerca è quello di fornire alle persone la migliore esperienza possibile e per questo posizionarsi ai primi posti su Google non è semplice. Il sito che nel 2022 vuole guadagnarsi le prime posizioni nella SERP è un sito pensato non tanto per il motore di ricerca, quanto per chi legge.

I consigli di MagicNet per essere primi su Google nel 2022

Google per capire se un sito è meritevole della prima pagina non si serve solo di algoritmi e intelligenza artificiale, ma anche dei cosiddetti valutatori della qualità della ricerca, ovvero persone. Si tratta di professionisti che controllano che il sito risponda alle linee guida di Google e che la pagina rispondi a una specifica intenzione di ricerca dell’utente o search intent.

Per essere primi su Google anche nel 2022 è fondamentale ottimizzare il sito per gli utenti seguendo i seguenti consigli, che MagicNet mette in pratica con i suoi clienti.

1. Focalizzarsi sui contenuti

La SEO del 2022 si basa su contenuti di alta qualità, che rispondono in modo chiaro e preciso alle domande degli utenti e sono scritti da esperti di settore. MagicNet invita le aziende a non pensare in termini di keyword secche e visualizzazioni di pagina, bensì di contenuto che offre valore. Nel 2022 cambia anche il modo di fare ricerche online con l’impennata delle ricerche vocali, che rendono la query più complessa.

Ogni giorno si creano nuove keyword longtail, che rispondono a domande precise degli utenti e per questo quando si creano i contenuti del sito è importante sapere per chi si scrive e a cosa l’utente è interessato. Per questo in MagicNet facciamo ad ogni cliente tante domande, che portano i nostri copywriter a creare pagine di qualità con tutte le caratteristiche necessarie ad essere primi su Google.

2. Rispettare il parametro E.A.T

La sigla E.A.T. indicata da Google sta per Expertise, Authoritativeness e Trusthworthiness ovvero “competenza, autorevolezza e affidabilità”. Quando Google sceglie il sito da posizionare per primo nella SERP lo fa sulla base di questi parametri e le aziende devono dimostrare autorevolezza e avere una buona reputazione per ottenere un punteggio di Page Quality maggiore.

In questo caso i siti web devono dare il giusto spazio a recensioni, menzioni, premi, certificazioni e credenziali dell’autore dei contenuti da aggiungere con markup dei dati strutturati. In questo modo si determina il punteggio E.A.T, assieme alla necessità di garantire una navigazione sicura e all’assenza di problemi tecnici.

Siti vecchi e non aggiornati hanno più possibilità di contenere informazioni false o inesatte, rischiano di essere hackerati e, anche per questo, hanno un’autorevolezza inferiore agli occhi di Google.

3. Fare attenzione agli aspetti tecnici

Oltre all’attenzione ai contenuti e al parametro E.A.T. chi fa SEO nel 2022 deve prestare attenzione agli aspetti tecnici. Oggi più che mai è importante avere un sito ben strutturato, facile da navigare e con un caricamento veloce da desktop e mobile.

Si tratta di aspetti tecnici di base per permettere la lettura e la comprensione del sito e dei suoi contenuti da parte degli spider di Google. Questi algoritmi, ma anche gli utenti, diffidano di un sito lento e lo abbandonano rivolgendosi alla concorrenza e ad altri siti web.

Il consiglio di MagicNet è quello di affidarsi a una web agency che prevede il coinvolgimento nell’attività di SEO di diverse figure, dal SEO Specialist al Web Designer, dai Copywriter ad altri operatori del web. Tutti devono lavorare assieme per raggiungere l’obiettivo comune, che è il posizionamento del sito ai primi posti sul motore di ricerca.

Chi si affida a noi ottiene proprio questo, contattaci per saperne di più e per migliorare il posizionamento SEO della tua azienda con la certezza di ottenere risultati concreti.