Magicnet Web Agency Bologna
Via Don Francesco Pasti 22 Funo Argelato BO 40050 IT
Mo,Tu,We,Th,Fr 09:00-17:30 €€€ +39 051 664 71 98
MagicNet FB Twitter Google+ Linkedin
Sicurezza siti web: L'impegno di Google a favore del protocollo HTTPS

Google prosegue nella sua politica di sensibilizzazione al problema della sicurezza sul web con una serie di misure. A partire da questo primo mese dell’anno 2017, il browser proprietario Chrome etichetterà come "non sicure" tutte le pagine web che raccolgono dati sensibili, come credenziali di accesso e dati di carte di credito e transazioni bancarie, a meno che le pagine non siano pubblicate tramite protocollo HTTPS.


Per evitare che, sul browser degli utenti, compaia la notifica di “non sicurezza” delle pagine web, è necessario adeguarsi, spostando l'intero sito web, o solo le pagine che ospitano i campi dei moduli per l’inserimento di password e carte di credito, in pagine pubblicate usando il protocollo HTTPS.

Il protocollo HTTPS (HyperText Transfer Protocol Secure) è stato creato per rendere sicuro lo scambio di informazioni tra due nodi web e scongiurare phishing e attacchi di hacker, ovvero quando terze entità cercano di frapporsi nella linea di comunicazione tra client e server per intercettare gli scambi informativi tra i due nodi.

L’HTTPS, dunque, protegge l'integrità e la riservatezza delle informazioni scambiate tra computer e siti web. In particolare:
 
  1. I dati scambiati vengono criptati in modo tale che, se anche vengono intercettati, non possano essere decifrati.
  2. Le informazioni vengono protette nella loro integrità. Infatti, non possono essere modificate o danneggiate durante il trasferimento senza che tali operazioni vengano rilevate.
  3. La navigazione all'interno di pagine certificate come sicure rafforza la fiducia degli utenti, con evidenti benefici in termini commerciali.

Quanto Google abbia a cuore il problema della sicurezza online lo dimostra il fatto che, per spingere i titolari di pagine web ad adottare il protocollo HTTPS, il colosso di Mountain View lo ha incluso anche tra i requisiti vagliati dal suo algoritmo ai fini dell’indicizzazione. Una strategia premiante che valorizza con un miglior posizionamento le pagine web sicure e verificate che utilizzano il protocollo HTTPS.

La sicurezza degli utenti durante la navigazione dev'essere tutelata in qualunque caso, non solo quando si tratta di siti web di commercio elettronico o di banche online.

Oltre ai dati sensibili relativi a pagamenti e credenziali di accesso, è necessario proteggere la privacy degli utenti anche relativamente a dati personali come nomi, indirizzi, numeri di telefono, email e preferenze in generale.

Per questo, oltre ad essere inderogabile per i siti web di banche ed e-commerce, l’adozione del protocollo HTTPS è consigliata anche per qualunque tipo di sito web, compresi i blog e i siti web amatoriali.

Una tesi sposata in pieno dal colosso di Mountain View, che ha intrapreso un piano a lungo termine, di cui l'ultimo provvedimento datato gennaio 2017 rappresenta solo la prima fase, per tutelare la sicurezza degli utenti del web e favorire in tempi brevi la diffusione del protocollo di sicurezza.

Hai bisogno di una consulenza per trasferire le tue pagine da HTTP ad HTTPS?
 
Contattaci
24 Gennaio 2017